• slide_1
  • slide_2
  • slide_3
  • slide_4
  • slide_5
Amiamo viaggiare, vedere, scoprire, per questo abbiamo iniziato un viaggio appassionante e pericoloso, difficile ma entusiasmante, un viaggio verso ipotesi nuove di esistenza, un viaggio che possa dare alle idee, alle parole, ai gesti, libertà.

Con questo spirito, sul finire del 1994, si metteva in marcia per le strade della Sicilia la prima Carovana Antimafia promossa dall’ARCI Sicilia. Lungo quell’itinerario la Carovana, esattamente una settimana prima di Natale, si fermò anche a Gela per sancire la nascita del primo Circolo ARCI in città.
Da quel momento la metafora del viaggio ha accompagnato l’attività del Circolo ARCI “Le Nuvole” di Gela: un viaggio alla scoperta del territorio, dell’enorme potenzialità rappresentata dal capitale umano, delle tante esperienze individuali e di gruppo esistenti.
Un viaggio che ci ha fatto incontrare centinaia di bambine e bambini con cui abbiamo condiviso speranze, delusioni e successi; ragazze e ragazzi con cui immaginare e realizzare spazi di protagonismo giovanile; famiglie in difficoltà con cui riscoprire il senso di appartenenza ad una comunità solidale;  cittadine e cittadini con cui sperimentare nuove forme di partecipazione attiva alla vita sociale, culturale e politica; scuole, associazioni, gruppi ed Istituzioni pubbliche con cui tessere reti e individuare soluzioni condivise a problemi complessi.
Nella sua attività quotidiana il Circolo ARCI “Le Nuvole” promuove l’aggregazione delle persone anche con l’obiettivo di favorire l’inclusione sociale di quelle persone che vivono in una condizione di marginalità sociale. La promozione della musica, del teatro, della lettura, delle arti visive, del diritto al gioco, del consumo critico e del turismo responsabile costituiscono alcune  delle attività principali dell’Associazione, animate e sostenute dai numerosi compagni che nel corso degli anni hanno deciso di intraprendere quel  viaggio iniziato nel lontano Natale del 1994,  sempre con lo stesso obiettivo di “dare alle idee, alle parole ed ai gesti, libertà”.